Collettivo donne della comunicazione – giorno 1

“Quando il compito che ci diamo ha l’urgenza della passione, non c’è niente che possa impedirci di portarlo a termine.”

Storia di chi fugge e di chi resta

Dicono che non sappiamo fare gioco di squadra, eppure più di 200 professioniste si sono dimostrate interessate al collettivo delle donne della comunicazione e della pubblicità.

Alcune sono arrivate su segnalazione di una collega, moltissime dal post LinkedIn di Paolo Iabichino, una su suggerimento del marito.

E poi c’è lei, che non potendo aderire perché ha fatto altro nella vita, ha comunque espresso la sua partecipazione.

Messaggio mamma collettivo donne della comunicazione

Quindi, grazie. Grazie a chi ha capito che questo collettivo “per donne” non è “contro gli uomini” e che ora, direttamente o indirettamente, ne fa parte.

Ieri ho inviato un’email per conoscere un po’ meglio la composizione del gruppo, ma soprattutto per rispondere alle 3 domande principali che mi sono state fatte sull’argomento. Le riporto anche qui, ché non abbiamo niente da nascondere.

PERCHÉ CREARE UN COLLETTIVO?

Mai come oggi la comunicazione presta attenzione al modo in cui le donne vengono rappresentate. Ma non basta fare una pubblicità che faccia leva sulla parità di genere: serve che l’azienda che la firma e l’agenzia che l’ha creata siano le prime a metterla in pratica. 
Dando alle donne le stesse possibilità di carriera degli uomini. 
Assicurando parità salariale a fronte della medesima esperienza, competenza e rilevanza. 
Promuovendo un ambiente lavorativo inclusivo, a partire dal linguaggio usato.
Comunicando, quindi, una rappresentazione della donna libera da vecchi stereotipi e pregiudizi.

IN COSA CONSISTE?

Il collettivo è un gruppo di professioniste della comunicazione che hanno l’intenzione di andare oltre le classiche divisioni (ruoli gerarchici, competizione tra aziende) per portare avanti un unico messaggio: la parità di genere si comunica anche con i fatti.
Per questo il collettivo sarà impegnato in:

  • Attività di formazione, informazione e aggiornamento al suo interno;
  • Campagne di sensibilizzazione verso il grande pubblico e le aziende;
  • Creazione di occasioni per fare networking.

Poiché l’adesione al collettivo è su base volontaria, ognuna ha il sacrosanto diritto di partecipare come può, quando può.
La vera forza del collettivo risiede nella coesione delle persone che lo formano e nell’eterogeneità delle figure professionali rappresentate.

SÌ, MA IN PRATICA? CHE FACCIAMO?
Per cominciare dovremo:

  • Dare un nome a questo collettivo e darci uno statuto; 
  • Decidere e calendarizzare gli appuntamenti e le attività, quindi procedere con la loro organizzazione; 
  • Scegliere la strategia dei canali da usare per la comunicazione interna ed esterna, quindi loro implementazione e aggiornamento;
  • Stendere un manifesto per le aziende e le agenzie che operano nella comunicazione.

E dovremo fare tutto questo insieme. 

Se non avete ricevuto la newsletter o se volete entrare a far parte del gruppo, scrivetemi nei commenti.

12 pensieri riguardo “Collettivo donne della comunicazione – giorno 1

  1. Ciao! Vorrei partecipare, ho lavorato per 10 anni in agenzie di pubblicità per poi essere fatta fuori per dei contributi non pagati e maternità…

    "Mi piace"

  2. Ciao Flavia,
    Ho letto il tuo articolo e mi piacerebbe far parte del progetto.
    Non ho bene idea di come contribuire, mi sono sempre occupata di organizzione e tempistica e ora, a 41 anni, ho cambiato rotta e mi sto dedicando al Content Marketing in ambito podcast.
    Mi piacerebbe ricevere la newsletter.
    A presto

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...